Ora e temperatura di Tokyo

 

 

 

Lo stile Visual è nato a cavallo tra gli anni 70 e 80, in Giappone ed è la fusione tra gli stili occidentali del punk, glam, gotico, dark. 
Il Visual è una caratteristica delle rock band giapponesi, che sono composte quasi esclusivamente da artisti di sesso maschile, che amano esibirsi con un look stravagante e provocatorio. Hanno un trucco pesante,il quale da loro, spesso, un aspetto androgino; hanno acconciature strane e coloratissime ed il vestiario è caratterizzato soprattutto da pizzo e pelle. Hanno inoltre moltissimi accessori.

Il look visual in sè, tuttavia, non si può catalogare, poichè può spaziare dal 
mondo colorato e luccicante del glam, ai canoni decisamente opposti del gotico.
Quindi ogni artista o gruppo può adottare il visual in diverse forme.

Due esempi: gli X Japan introdussero le acconciature sparate e tutte colorate,   
e i Malice Mizer che indossano costumi che richiamavano vagamente il settecento francese.

Accade spesso però che un gruppo debutta come Visual e poi con il tempo 
abbandoni lo stile per tornare normale, per scelta o per maturazione musicale.
Comunque è difficile definire il genere musicale in base al Visual, in più il vestiario può cambiare a dipendenza del gusto dell’artista, e quindi a volte è anche in contrasto alla musica suonata.

Il Visual look non coinvolge solo i gruppi musicali ma anche i loro fans.

Il caso più interessante sono le gothic lolita, non bisogna però farsi ingannare 
dal nome perché il gotico giapponese assomiglia ben poco a quello occidentale.
Lo stile delle gothic lolita si rifà espressamente al look di certe band mucisali che richiama atmosfere di altri tempi.

Es: Mana dei Malice Mizer è titolare di una delle più famose marche 
produttrici di abiti ecessori in stile “gothic lolita”.
Comunque anche qui il look subisce variazioni a dipendenza dai gusti e 
contaminazioni di altri generi musicali.


riferimento japanforever